+ 39 3420496311
9:00 - 18:00
Lun - ven

Perché si dice copywriter: scopriamo il significato di questa parola

copywriter significato perché si dice

Leggendo quest’articolo scoprirai il significato della parola copywriter e perché si dice in questo modo.

Ti sei mai chiesto quale sia l’etimologia della parola copywriter? Da quando questa professione è diventata così gettonata in Italia, sono in tantissimi a chiedersi perché si dice copywriter.

Tutte le volte che, nel corso della mia carriera lavorativa, qualcuno mi ha chiesto di cosa mi occupassi, ho sempre esitato a usare il termine copywriter.

Il motivo? Una volta pronunciata la fatidica parola, ero sicura che avrei dovuto usarne almeno altre 300 per spiegare il suo significato.

In effetti, perché si chiama copywriter? Alcuni credono ancora che il compito di questa figura professionale sia quello di “copiare gli articoli”; altri ancora pensano che abbia in qualche modo a che vedere con il copyright.

Persino molti tra gli “addetti ai lavori” non hanno ben chiaro chi sia, cosa faccia e perché si chiami così. Per questo motivo, ho pensato di documentarmi sul significato di questo termine e di svelarvi una volta per tutte cosa vuol dire copywriter.

Copywriter: origine, significato e perché si dice così

Per spiegare il significato di copywriter, bisogna innanzitutto scomporre la parola. Un writer è uno scrittore, mentre copy vuol dire copia; ma cos’è una copia?

Il dizionario Merriam-Webster, fondato nel 1831, a Springfield (Massachusetts – Stati Uniti) da George Merriam e da Charles Edward Merriam, riconduce il termine copywriter a ben tre definizioni associate alla parola “copia”:

  • questione da impostare in modo particolare per la stampa;
  • qualcosa che si considera stampabile o degno di nota;
  • testo particolare di un annuncio.

Con la parola “copia” pare ci si riferisca a un testo destinato a essere stampato e divulgato. Non si tratterebbe, quindi, di un articolo scritto per essere letto in maniera del tutto personale.

La copia è, infatti, un testo che va pubblicato e diffuso a lungo raggio. Un annuncio, insomma, che deve essere letto da più persone possibili attraverso i vari mezzi di comunicazione.

È da qui che ha origine la parola “copy writer“, che sarebbe uno scrittore di annunci o stesi stampabili.

Il termine sembra risalga al diciannovesimo secolo, al periodo dell’esplosione del giornalismo e dei giornali moderni, negli USA più che in Italia.

Come si dice copywriter in italiano

Pare non esista un corrispettivo italiano del termine copywriter, ed è probabilmente per questo motivo che in tanti non conoscono il suo significato e non sanno come tradurlo nelle altre lingue.

Chi vuole calcare il termine in italiano, perché fanatico della lingua o perché crede che le nuove professioni puntino sugli inglesismi per “darsi un tono”, opterà per l’uso di termini come “scrittore di copie”, “scrittore pubblicitario” o “scrittore di testi destinati alla pubblicità”.

Si tratta di perifrasi ostiche, per nulla immediate, che non rendono giustizia a questa professione creativa, che prima di essere basata sulla scrittura è basata sulle idee.

Clarissa Cusimano

Content Creator specializzata in Digital Marketing e nomade digitale. Aiuto ogni giorno aziende, professionisti e giovani appassionati a realizzare i loro sogni online. In questo blog ti racconto la mia vita da nomade e ti svelo tutti i segreti del lavoro che mi ha portato a girare il mondo. Seguimi anche su Instagram e su Youtube!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *